Domanda:
Strategia di ritmo per le maratone
Tonny Madsen
2012-02-11 01:28:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Molto breve: qual è la migliore strategia di ritmo per una maratona?

Un po 'più lunga: di solito quando partecipo a una gara (10 km, 15 km o HM), tendo a correre la prima parte della gara a un ritmo di 5-10 secondi più lento per km rispetto al mio ritmo target. E poi rimediare durante il resto della gara.

Ma è anche una buona strategia per una maratona? O dovresti puntare allo stesso ritmo per tutta la gara?

Quattro risposte:
#1
+7
Peter Eisentraut
2012-02-11 02:11:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è anche la strategia consigliata per le maratone, se hai tempo. L'analisi dei migliori corridori internazionali mostra che gestiscono la prima metà della gara leggermente più lentamente della seconda.

Ho cercato dei riferimenti. Ne conosci qualcuno?
Ho letto quanto sopra in un libro. Proverò a trovarlo.
#2
+6
Mike Hedman
2012-02-11 22:49:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che la tua strategia generale sia ottima, ma consentirei un avvio un po 'più lento. Per i primi 2-3 miglia correrei 30-60 secondi più lentamente del ritmo di gara. La maggior parte dei corridori ricreativi non si riscalda correttamente prima di una maratona (non vogliono bruciare l'energia che sarà necessaria in tre ore!), Quindi questo è un momento cruciale per far muovere il tuo corpo e pronto per lo sforzo a venire.

Se non altro, questo spiega la realtà del primo miglio, dove la congestione spesso ti rallenta a passo d'uomo. Alcuni corridori "perdono" 30 secondi di tempo nel primo miglio a causa del tentativo di zig-zag tra le persone lente che si sono seminate in modo inappropriato nella parte anteriore dello scivolo, e poi si stressano di recuperare quel tempo nelle prime 10 miglia. ..e lo pagano al miglio 23.

Devo solo riscaldarmi bene prima ;-) Temo, sono troppo competitivo per natura per permettermi di perdere anche 30 secondi a causa di una cattiva preparazione, specialmente quando è così facile fare bene ... Per il parte dei secondi, la buona notizia è che molte maratone europee includono pacersetters - un numero di corridori molto dedicati che corrono a un ritmo molto specifico - ad es. 4:30 min / km o 5:40 min / km - di solito con grandi palloncini con il ritmo designato stampato. Vedi http://www.copenhagenmarathon.dk/wp-content/uploads/IMG_4821.jpg
#3
+4
A-K
2013-01-24 09:59:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Preferisco correre il secondo tempo 1-2 minuti più velocemente del primo. Quando non fa caldo, posso gestirlo.

Sfortunatamente, il tempo potrebbe obiettare. Può diventare fino a 20 gradi più caldo quando arrivo al traguardo. Se è così, mantengo lo stesso livello di sforzo, in modo da non sbattere contro il muro.

#4
+3
Martin
2012-02-16 15:29:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Preferirei sicuramente un primo tempo leggermente più lento. Ho provato una volta a mantenere un ritmo alto e costante per tutta la gara e non ha funzionato bene (Copenhagen 2010).

Penso che l'effetto psicologico sia enorme. Quando decidi di aumentare il tuo ritmo leggermente più veloce, inizi ad avanzare lentamente e questo aiuta molto sulla motivazione.

Al contrario, vedere le persone iniziano a correre più veloci di te, perché hai iniziato un po 'velocemente e magari avviato nel gruppo di pac errato alla linea di partenza, questo ti ucciderà mentalmente.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...